Due giornate di incendi nell’Alto Oristanese, adesso si contano i danni

Si contano i danni nell’Alto Oristanese dopo la seconda giornata di incendi che ieri, fino alla tarda serata, ha interessato una vasta superficie tra gli stessi territori andati in fumo venerdì (Dualchi, Borore, Birori e Bortigali) e Sedilo, Noragugume e Aidomaggiore. Sino a tarda notte erano ancora impegnati cinque Canadair della Protezione Civile e cinque elicotteri della flotta regionale, che si rifornivano sul Lago Omodeo, oltre a centinaia di uomini del Corpo forestale, Vigili del fuoco e barracelli. Le fiamme, alimentate dal forte vento di maestrale, hanno divorato alcune migliaia di ettari di pascolo e macchia mediterranea, creando momenti di apprensione tra i residenti e gli allevatori della zona. Diversi i capi di bestiame morti carbonizzati e danni ingenti alle aziende agricole. Inoltre alcune abitazioni a Sedilo sono state fatte evacuare per precauzione.

Chi appicca un incendio è un criminale da condannare a tutti i livelli istituzionali”. Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, che si è recata questa mattina a Sedilo per la verifica della situazione degli incendi. L’assessore ha incontrato il sindaco di Sedilo Alessio Petretto, il direttore della Protezione civile Graziano Nudda, il comandante del Corpo forestale Graziano Nudda e le autorità impegnate nel contrasto al fuoco. Anche venerdì scorso l’esponente della Giunta Pigliaru aveva seguito sul posto, a Borore, le operazioni antincendio e ieri ha tenuto un filo diretto con i sindaci e le autorità.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share