Detenuto uccise il compagno di cella a Bancali, processo al via. Chiesto il rito abbreviato

Si saprà l’1 marzo se Giuseppe Pisano, il detenuto che lo scorso luglio ha ucciso il compagno di cella Graziano Piana, nel carcere di Bancali, spaccandogli la testa con uno sgabello, sarà giudicato con rito abbreviato, come richiesto dall’avvocato difensore Simone Vargiu, o con giudizio immediato come già disposto dal Tribunale di Sassari. Il gip Sergio De Luca ha fissato per quella data l’udienza in cui si dovrà pronunciare.

Quando uccise Piana, Pisano era totalmente incapace di intendere e di volere, secondo le perizie psichiatriche svolte dalla consulente nominata dal gip, Claudia Granieri, e dal perito di parte, Pietro Pietrini, nominato dal pm Angelo Beccu. Una analisi avvalorata dalla perizia dello psichiatra forense Giuseppe Ferri, nominato dalla difesa, il quale ha sostenuto in aula che l’imputato ancora oggi, pur essendo in grado di sostenere un procedimento penale, presenti una scemata capacità di intendere e una elevata pericolosità sociale.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
40
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
40
Share