Da Regione 54 mln alla Chiesa. Gli atei: “Ennesima distrazione soldi pubblici”

54 milioni di euro in arrivo dalla Regione per restaurare e valorizzare le chiese e il patrimonio culturale religioso della Sardegna: lo prevede un accordo firmato ieri dal presidente della Giunta Francesco Pigliaru con monsignor Arrigo Miglio, arcivescovo di Cagliari e presidente della Conferenza Episcopale sarda. I soldi saranno a disposizione grazie a fondi europei per lo sviluppo regionale Fesr: 34 milioni per opere materiali sugli edifici religiosi, altri 20 per servizi, biblioteche, archivi e attività immateriali, mentre una quota di cofinanziamento sarà messa a disposizione dalla Cei. Il protocollo di intesa tra Regione e Chiesa sarda è stato approvato il 13 settembre scorso dalla Giunta regionale e sottoscritto ieri da Pigliaru e Miglio alla presenza di Cristiano Erriu, assessore agli Enti Locali e Patrimonio. Il primo passo per l’attuazione del piano è la costruzione, entro due settimane, di una cabina di regia tecnica.

“L’intesa è una piattaforma istituzionale di alto livello – ha sottolineato il presidente Pigliaru – che mette a correre risorse per i beni culturali legati alla religione in un ottica di valorizzazione e fruizione da parte dei residenti e turisti dei luoghi di culto”. Non altrettanto favorevole, invece, il parere dell’Uaar, l’Unione di Atei, Agnostici e Razionalisti italiani che da dieci anni ha una sede anche nell’Isola: i portavoce si dicono “sconcertati” per l’operazione messa in atto da Regione e Cei : “Al di là di una valutazione circa l’opportunità di destinare somme tanto ingenti per iniziative confessionali, che l’esecutivo regionale evidentemente non considera minimamente problematica, va rilevato che tali fondi provengono dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, il quale, stando ai documenti ufficiali e a dichiarazioni d’intenti più o meno retoriche, sarebbero destinati ai cinque obiettivi della cosiddetta ‘Strategia Europa 2020’: riduzione della disoccupazione, investimenti in ricerca e innovazione, sviluppo nel settore delle energie rinnovabili, iniziative contro l’abbandono scolastico, contrasto alla povertà. Riteniamo francamente poco chiaro a quale di questi obiettivi faccia riferimento la riqualificazione del seminario di Cuglieri, che rimarrebbe nella disponibilità della Diocesi, o la ristrutturazione di edifici ecclesiastici senza alcun valore storico o artistico”.

Gli atei dell’Uaar si dicono preoccupati anche per gli investimenti su servizi e attività religiose: “Questi fondi rafforzeranno la posizione della Chiesa sarda come erogatrice di servizi che dovrebbero essere garantiti dall’attore pubblico, come i centri di orientamento di cui parla l’accordo, o gli stabili destinati all’accoglienza dei migranti, e per i quali in non pochi casi le singole Diocesi e la Caritas già ricevono somme piuttosto congrue da parte del Governo nazionale e degli enti locali. Una posizione di privilegio, questa del mondo ecclesiale in Sardegna, che non richiama solamente questioni di bilancio, ma pone seri dubbi circa l’equanimità e la trasparenza di un soggetto per sua natura ideologicamente non neutrale”.

Il documento degli atei ricorda anche che la Chiesa beneficia già dei contributi in arrivo dall’otto per mille: “Un miliardo di euro, ‘estorto’ ai contribuenti con un meccanismo di ripartizione iniquo e fuorviante”. Secondo il Circolo di Cagliari dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, l’accordo è “l’ennesima distrazione di denaro pubblico destinato allo sviluppo dei territori in favore di iniziative che, oltre a non avere alcuna reale ricaduta in termini di benessere dei cittadini, mettono ancora una volta in discussione il ‘supremo principio di laicità dello Stato’, che questo esecutivo regionale considera chiaramente niente più che un inutile cascame retorico”.

Francesca Mulas

Total
0
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share