Covid-19, detenuti donano 2.300 euro. Soldi andranno alle famiglie in difficoltà

Un gesto di solidarietà arriva dalla colonia penale di Mamone, i cui detenuti hanno raccolto la cifra di 2.300 euro, che hanno poi donato alla Caritas diocesana di Nuoro per aiutare i bisognosi, aumentati in questo periodo di emergenza coronavirus.

Per poter avere l’autorizzazione all’iniziativa, denominata “un giorno per beneficenza”, i detenuti hanno scritto una lettera alla direttrice Patrizia Incollu. “In questo tempo di coronavirus tante persone sono costrette a stare a casa e molti papà non possono lavorare – spiegano – Noi detenuti di Mamone abbiamo pensato di rinunciare al cibo di un giorno a settimana per offrirlo alle famiglie bisognose, ma consegnare i soldi al cappellano che può distribuirli comporta dei problemi. Se lei ci autorizza, per evitare queste difficoltà, possiamo dare un’offerta in denaro al cappellano che acquisterà i beni e consegnarli alle famiglie bisognose. Abbiamo raccolto le nostre firme, così che lei possa autorizzarci a dare tramite i conti correnti la nostra offerta a don Alessandro Muggianu che ci porterà riscontro di come avrà utilizzato le nostre offerte”.

La donazione è puntalmente arrivata alla Caritas nuorese che ora, attraverso la direttrice, suor Pietrina Careddu, ringrazia: “È una somma davvero sorprendente visto che a Mamone scontano pena soprattutto persone extracomunitarie – ha spiegato la responsabile della Caritas – Questo è l’obolo della vedova di cui parla il Vangelo, il piccolo dono personale eppure preziosissimo, un vero messaggio dal sapore cristiano, ossia universale”.

Total
265
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
265
Share