Chiuse le indagini sulla ricostruzione del ponte di Oloè, tra Oliena e Dorgali

Chiusa l’indagine sulla ricostruzione del ponte di Oloè, sulla strada provinciale 46 tra Oliena e Dorgali nel Nord Est della Sardegna, crollato in occasione della tragica alluvione del 2013, quando aveva inghiottito l’auto in cui è morto l’agente di Polizia Luca Tanzi, finito nel vuoto insieme ad altri tre colleghi, mentre in piena emergenza cercavano di mettere in salvo le persone in difficoltà. Archiviato il dissequestro del tratto di strada, che aveva ceduto nuovamente nel 2017 dopo i lavori di ripristino e dato il via libera alle nuove opere, la Procura di Nuoro ha tirato le somme inviando l’incartamento al Gip che dovrà ora pronunciarsi. Secondo La Nuova Sardegna, infatti, il titolare del fascicolo, il pm Giorgio Bocciarelli, ha concluso le indagini notificando gli atti agli imprenditori, Roberto Sacramati amministratore unico della Costruzioni Sacramati, Gianfranco Castiglioni, direttore tecnico della ditta e Antonio Giacobbe, direttore dei lavori per conto dell’Anas, tutti assistiti dall’avvocato Lara Sini. Sempre secondo il quotidiano, l’ipotesi di reato contestata è la frode in pubbliche forniture e attentato alla sicurezza dei trasporti.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share