Cagliari, in memoria di una tragedia: ecco “Piazza vittime del Moby Prince”

Una piazza per ricordare le 140 vittime (26 erano sarde) della tragedia Moby Prince avvenuta al largo del porto di Livorno nella notte del 10 aprile 1991. A ventisei anni dalla strage i familiari hanno identificato a Cagliari “uno spazio tranquillo che protende verso il mare”, proprio di fronte alla Capitaneria di Porto, fra le trafficate via Roma e piazza Deffenu. Uno spazio ‘per non dimenticare’ che oggi, nell’anniversario della tragedia del Moby Prince, è stato intitolato a chi quella notte attese inutilmente di essere salvato.

Alla cerimonia di ‘Piazza Vittime del Moby Prince‘ hanno partecipato il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau, i tre senatori sardi della commissione parlamentare d’Inchiesta, Silvio Lai, Emilio Floris e Luciano Uras, e i familiari delle persone morte, tra cui Luchino Chessa, presidente dell’Associazione 10 Aprile-Familiari Vittime Moby Prince.

Perché questa piazza? “Si trova in una zona trafficata ma nello stesso tempo si affaccia verso il mare e dà un senso di tranquillità catartica rispetto all’angoscia che ci perseguita”, ha detto Chessa. Prima di scoprire la targa il sindaco ha ringraziato proprio il presidente dell’Associazione 10 Aprile e la commissione d’Inchiesta. Mentre Ganau ha sottolineato l’importanza del lavoro della Commissione, “nella speranza di arrivare dopo tanti anni a una risposta esaustiva”. La seconda parte delle celebrazioni per l’anniversario prosegue nell’Aula del Consiglio regionale. Interverranno Zedda ed il presidente dell’Assemblea. Dopo sarà proiettato “Buonasera, Moby Prince”, il documentario di Paolo Mastino del TGr Sardegna, che sviscera i 25 anni di incongruenze processuali e propone alcune possibili verità. A seguire, il dibattito a cui parteciperanno anche i familiari e i senatori della commissione d’Inchiesta.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share