Una raccolta firme per dire “no”alla centrale a carbone dell’Eurallumina

Una raccolta firme per dire “no” alla centrale a carbone che l’Euralenergy vorrebbe costruire a quattrocento metri dal centro abitato di Portoscuso.  La petizione promossa da Assotziu Consumadoris Sardigna -Onlus, La Fenice, Sardegna Pulita, Confederazione Sindacale Sarda, Comitato Scuola Città, Carlofortini Preoccupati e comitato Adiquas di Nuraxi Figus “è un atto doveroso contro un nuovo impattante progetto su un territorio già abbondantemente compromesso da un punto di vista sanitario ed ambientale, che necessita piuttosto di urgenti  operazioni di bonifica”, spiegano in un comunicato stampa le associazioni ambientaliste. “Impensabile, dunque, realizzare una centrale a carbone in un territorio in cui le matrici ambientali risultano a tal punto inquinate da pregiudicare il consumo e la commercializzazione dei prodotti della terra”, come dimostrano numerose ordinanze comunali.
La petizione, che ha già raccolto 150 firme, è rivolta agli abitanti di Portoscuso e a chi frequenta abitualmente il centro sulcitano.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share