Tre foci di fiumi e un tratto di mare: ecco l’inquinamento nelle acque della Sardegna

Quattro punti inquinati nel mare sardo: tre alla foce dei fiumi, uno al largo della spiaggia cagliaritana di Calamosca. È il bilancio del monitoraggio di Goletta verde, la barca di Legambiente che ha iniziato a raccogliere campioni di acqua il 20 giugno e ha concluso il lavoro il 1° agosto.

In totale sono stati 29 i punti presi in esame: 10 nella provincia di Sassari, 6 nel Nuorese, 5 nel sud Sardegna e 4 tra Oristanese e Cagliaritano. Ventuno campioni sono stati prelevati in mare, otto nelle foci. Quattro quelli risultati oltre i limiti di legge. Due sono stati giudicati “inquinati” e altrettanti “fortemente inquinati”.

Le situazioni più pesanti alla foce del corso d’acqua in via Aldo Moro ad Alghero, in località San Giovanni. Stesso giudizio per la foce del Rio Foxi a Quartu Sant’Elena. Giudicati inquinati invece la foce del Rio Cuggiani a Valledoria in località San Pietro a Mare e un punto a mare davanti alla spiaggia di Calamosca a Cagliari. Nelle province di Nuoro, Oristano e Sud Sardegna tutti i punti campionati sono risultati “entro i limiti”.

Secondo Legambiente Sardegna, “rispetto allo scorso anno è stata rilevata una riduzione dei punti che hanno superato i limiti di legge e la risoluzione, almeno temporanea, di alcune criticità di lunga data”. I dati sono stati trasmessi a Capitaneria di porto, Comuni e Arpa. Per Foxi a Quartu, qualcosa potrebbe migliorare con la realizzazione del nuovo collettore.

I prelievi di Goletta verde vengono eseguiti da tecnici e volontari. I campioni per le analisi microbiologiche sono prelevati in barattoli sterili e conservati in frigorifero fino all’analisi, che avviene lo stesso giorno o comunque entro 24 ore. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali). Il numero dei campionamenti viene definito in proporzione ai chilometri di costa in ogni regione.

[Foto d’archivio]

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
47
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
47
Share