Tra smart working e camminate sostenibili nel cammino minerario di Santa Barbara, l’idea di un 46enne

Dal oggi fino al 4 settembre il livornese Davide Fiz, di 46 anni, camminerà su alcune tappe del cammino minerario di Santa Barbara, per una esperienza di sostenibilità, visitando piccoli borghi e attraversando una natura spettacolare. Un itinerario tra mare, monti, miniere, punteggiato dalle testimonianze della millenaria epopea mineraria della Sardegna. Presenza costante, le chiese dedicate al culto di Santa Barbara, la patrona dei minatori.

Fiz è l’ideatore del progetto “Smart walking” che lo vede impegnato a percorrere 20 cammini in tutte le 20 regioni italiane, dividendo le sue giornate tra trekking e smart working nei borghi attraversati dai cammini. Coniugare passioni e lavoro è possibile, ripensando il proprio stile di vita anche grazie all’uso della tecnologia e visitare luoghi fuori dagli itinerari comuni, scoprendo piccoli borghi dove il valore sta nel senso di comunità, nella qualità del tempo, nella profondità delle relazioni.

L’idea di costruire un itinerario nell’area più estesa e rappresentativa del Parco geominerario, riscoprendo gli antichi cammini minerari oggi in gran parte abbandonati, è nata dai volontari dell’associazione Pozzo Sella per il Parco geominerario. Con il Cammino minerario di Santa Barbara si vuole perseguire l’obiettivo di tramandare la memoria degli uomini che nei secoli e nei millenni passati hanno realizzato e percorso gli antichi cammini minerari con il piacere di riscoprire a passo lento la bellezza del territorio. Il Cammino si sviluppa lungo un anello di circa 500 chilometri nel Sud Ovest della Sardegna. Sulla base del chilometraggio, delle difficoltà di percorrenza e della disponibilità di strutture ricettive nei paesi e nei villaggi minerari attraversati, l’itinerario è stato suddiviso in 30 tappe della lunghezza media di circa 16 chilometri ciascuna. Molte tappe sono piuttosto brevi, per lasciare ai pellegrini/escursionisti il tempo di visitare siti di archeologia classica e industriale di particolare fascino e bellezza.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
3
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
3
Share