Rinasce foresta di posidonia nei fondali di Golfo Aranci grazie a una startup

Sui fondali del mare di Golfo Aranci è rinata una piccola foresta marina di posidonia: 2.500 piante acquatiche messe a dimora per ripristinare 100 metri quadri di fondale verde. Un progetto portato avanti con il patrocinio del Comune e il supporto della Regione e della Guardia Costiera, mirato alla salvaguardia della biodoversità.

A realizzarlo sono state, utilizzando esclusivamente materiali sostenibili e biodegradabili, “zeroCO2”, startup italo-guatemalteca che sviluppa attività di riforestazione ad alto impatto sociale, e “Worldrise”, onlus attiva per la conservazione e la valorizzazione dell’ambiente marino.

Le operazioni di reimpianto delle talee di posidonia oceanica recuperate dalle piante sradicate dalle mareggiate, sono state condotte nel corso di una settimana da operatori scientifici subacquei dell’International School for Scientific Diving, partner tecnico-scientifico del progetto.

“Spesso quando pensiamo ai problemi ecologici legati al mare ci viene in mente l’inquinamento da plastiche e microplastiche. Purtroppo però l’impronta umana non si ferma qui, l’acidificazione delle acque, la scomparsa della biodiversità e l’innalzamento dei mari ne sono la prova”, ha spiegato Andrea Pesce, fondatore di zeroCO2, durante la conferenza di presentazione dei primi risultati del progetto. “È tempo di guardare oltre e agire non solo per lo sviluppo sostenibile ma per il ripristino degli ecosistemi. Con il progetto posidonia vogliamo dimostrare che è possibile, se agiamo insieme, creare valore sul territorio, sensibilizzare e fornire una risposta concreta alla crisi climatica e alla perdita di biodiversità”, ha aggiunto Mariasole Bianco, presidente di Worldrise. Il progetto proseguirà per altri tre anni monitorando l’impianto di riforestazione e gli effettivi rigenerativi sull’ecositema.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
16
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
16
Share