Poggio dei Pini, appello del Grig: “Tutelare ponte del 1862”

A Poggio dei Pini (Capoterra) sono in arrivo altri lotti e il Gruppo d’intervento giuridico chiede che prima che partano i lavori venga tutelata l’area dove c’è un ponte ferroviario costruito nel 1862 per collegare la miniera di San Leone con Maddalena spiaggia. “La variante al piano di lottizzazione di Poggio dei Pini presentato dalla Società cooperativa Poggio dei Pini, approvata definitivamente con deliberazione Consiglio comunale Capoterra n. 38 del 17 giugno 2021, comporta la potenziale edificazione di ulteriori 92 lotti (metri quadri 95.437,85 e volumetria pari a metri cubi 72.478,94) – si legge nell’appello del Grig -. Se così fosse, il piano di lottizzazione giungerebbe a complessivi 975 lotti, per un’estensione complessiva pari a metri quadri 1.372.761,91 e una volumetria complessiva pari a metri cubi 1.094.338,19“.

“Non si tratta di un’antropizzazione trascurabile, sebbene la frazione di Capoterra – che ormai supera i 4mila residenti – abbia una qualità della vita certamente superiore a quella di molti centri urbani di recente realizzazione, spesso poco più di quartieri-dormitorio – aggiunge l’associazione ambientalista – È, comunque, necessario quanto rimane delle epoche andate, fra cui i ruderi di uno dei ponti ferroviari della prima strada ferrata della Sardegna, inaugurata nel 1862 per trasportare lungo 15 chilometri di percorso a scartamento ridotto i minerali ferrosi estratti dalla miniera di San Leone verso l’imbarcadero di Maddalena Spiaggia“.

“L’associazione ecologista Gruppo d’intervento giuridico (Grig) ha, quindi, inoltrato una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti perché vengano individuati i ruderi del ponte ferroviario quali ‘bene culturale‘ (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), con un’adeguata fascia di rispetto sottratta all’edificazione – concludono dall’associazione -. Coinvolti il Ministero della Cultura, il Comune di Capoterra, la Regione autonoma della Sardegna, la Soprintendenza per Archeologia, belle arti e paesaggio di Cagliari. Il Paese che non ha memoria non ha nemmeno futuro“.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
13
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
13
Share