Nati in uno zoo, vivranno liberi in Sardegna. Altri due grifoni per la colonia di Bosa

Hanno fatto un lungo viaggio, ma non con le proprie ali. Due grifoni provenienti dall’Artis Zoo di Amsterdam, il più antico giardino zoologico dei Paesi Bassi, sono arrivati oggi in nave da Genova a Porto Torres, grazie a un trasporto speciale per animali selvatici. Il trasferimento fa parte di una delle fasi del progetto Life ‘Safe for vultures’ per garantire la sopravvivenza del grifone in Sardegna a cui lo zoo olandese collabora insieme con Forestas, Corpo forestale, Dipartimento di Medicina veterinaria dell’Università di Sassari, Vulture conservation foundation (Vcf) ed E-Distribuzione.

“Si tratta di esemplari nati in cattività e destinati ad essere liberati nella zona nord-occidentale della Sardegna – ha spiegato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis –. I due rapaci, femmine di uno e due anni, hanno già superato tutti i controlli sanitari per escludere patologie trasmissibili e verranno ospitati temporaneamente nel Centro di allevamento e recupero fauna selvatica (Carfs) di Bonassai, gestito da Forestas, prima di essere trasferiti nella voliera di ambientamento realizzata dall’Agenzia regionale all’interno del compendio forestale di Monte Minerva a Villanova Monteleone. Appena pronti, saranno liberati nello stesso areale dove, dal 2018 nell’ambito della collaborazione con la Vcf, sono stati liberati sette giovani grifoni, nati in cattività nelle strutture zoologiche di Amsterdam e Dresda, costituendo una colonia tra Bosa, Alghero e Villanova Monteleone. Il progetto mira a crearne una nuova anche nel sud-est dell’Isola. I due esemplari saranno dotati di trasmettitore gps e costantemente monitorati dai tecnici per seguirne gli spostamenti“.

“L’operazione – ha aggiunto l’assessore Lampis – rientra nel progetto Life ‘Safe for vultures’, che ha l’obiettivo di conservare questa specie e di creare le condizioni per il ritorno in Sardegna di altre specie necrofaghe, come il gipeto e l’avvoltoio monaco”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
2
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
2
Share