Legge urbanistica, proposta di Liberu: “Scelgano i sardi con un referendum”

Liberu – Lìberos Rispetados Uguales lancia il referendum sulla legge Urbanistica. “Chiediamo una consultazione referendaria permetta ai sardi di pronunciarsi sulle due proposte in campo, quella della Giunta regionale e quella elaborata in base alle controdeduzioni e le osservazioni delle varie associazioni come FAI, Italia Nostra, Legambiente e altre – si legge in una nota del partito indipendentista guidato da Pier Franco Devias (nella foto) -. Per il futuro vorremmo siano i Comuni e gli abitanti a decidere come usare il loro territorio, promuovendo dei referendum almeno consultivi. Ma nell’immediato, adesso che è tutta la Sardegna ad essere sottoposta a stress cementizio, chiediamo alla Giunta regionale e ai Consiglieri di farci decidere in prima persona del futuro della nostra terra. Seguendo questo percorso, la legge urbanistica sarà sicuramente una scelta partecipata, cosciente e responsabile. Chiamiamo alla mobilitazione tutti coloro che ancora vogliono vivere qui, in armonia con le cose che ci circondano, senza abbruttirle più di quanto finora fatto”.

“La filosofia che dovrebbe accompagnare la stesura di una legge urbanistica – prosegue la nota di Liberu – è, da una parte, quella di regolamentare l’uso e lo sfruttamento del suolo dagli attacchi di chiunque voglia appropriarsene per fini speculativi. Dall’altra è quella di “normare” il territorio per renderlo fruibile ai cittadini che lo abitano, lo lavorano e lo vivono. Tutto questo non è stato fatto dall’attuale Consiglio regionale, che ha redatto una legge urbanistica mirata solamente a smantellare qualunque principio di salvaguardia e prevenzione di quelle parti di Sardegna sino ad oggi intoccabili”.

“Con questa legge urbanistica tutta la Sardegna diventerà un immenso residence turistico aperto solo tre mesi all’anno; si potrà realizzare il sogno degli speculatori e realizzare la “città lineare e continua” intorno a tutte le coste, creando ancor più spopolamento delle zone interne; si potrà costruire anche nelle campagne, ovviamente anche in quelle limitrofe a spiagge e litorali, in barba a quella giusta esigenza che vorrebbe la campagna “usata” per creare lavoro agro zootecnico, in modo da farci uscire dalla perenne importazione di quell’85% di agroalimentare”.

Quindi, Liberu lancia un appello “a tutti perché nell’immediato si organizzino incontri e sit-in per convincere i Consiglieri regionali a bloccarsi e parlare con i Sardi, prima di regalare ampi porzioni di territorio, di pregio e non, a famelici speculatori che ci sfrutterebbero per qualche anno, lasciandoci poi – come già visto – per andare altrove a riproporre lo stesso scempio”.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share