Invasione di cinghiali, allarme Coldiretti: “Stanno mangiando il mais e uccidono le pecore”

È invasione di cinghiali nelle campagne dell’Isola. E in taluni casi gli animali arrivano sino ai centri abitati. A lanciare l’allarme è la Federazione di Coldiretti Nord Sardegna che quotidianamente riceve “dai propri soci segnalazioni su attacchi alle greggi e distruzione di vigneti, oliveti, orti e impianti di irrigazione”. A nulla sembrano valere le recinzioni, “sistematicamente divelte”.

“Abbiamo dovuto anticipare la trinciatura del mais di 15 giorni per contenere le perdite – afferma Gianni Muntoni, presidente Coldiretti Perfugas -. Alla fine perdiamo di meno se lo raccogliamo prima perché i cinghiali stavano facendo razzie”. Secondo l’organizzazione del Nord Sardegna “il fenomeno è da tempo fuori controlli e oltre ad essere un incubo per le aziende agricole i cinghiali sono diventati un pericolo anche per i cittadini ma soprattutto per gli automobilisti”.

[Foto d’archivio]

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
51
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
51
Share