Centrale eolica in terreni di pascolo, denuncia del Grig: “Viola diritti di uso civico, è servitù energetica”

Un progetto di centrale eolica è stato proposto da Enel green power in varie località agricole e di pascolo nei Comuni di Sindia, Scano di Montiferru, Santu Lussurgiu, Macomer, Borore. L’associazione ecologista Gruppo d’intervento giuridico ha chiesto al ministero dell’Ambiente di non concedere la compatibilità ambientale, in particolare per contrasto con la normativa in materia di diritti di uso civico.

Il progetto di centrale eolica è composto da 13 aerogeneratori, con una potenza da 18 megawatt. “I terreni a uso civico e i demani civici costituiscono un patrimonio di grandissimo rilievo per le collettività locali – scrive in una nota il Grig a firma Stefano Deliperi -, sia sotto il profilo economico-sociale che per gli aspetti di salvaguardia ambientale. I diritti di uso civico sono inalienabili, indivisibili, inusucapibili e imprescrittibili. I demani civici sono tutelati ex lege con il vincolo paesaggistico. Ogni atto di disposizione che comporti ablazione o che comunque incida su diritti di uso civico può essere adottato dalla pubblica amministrazione competente soltanto a particolari condizioni, previa autorizzazione regionale e verso corrispettivo di un indennizzo da corrispondere alla collettività titolare del diritto medesimo e destinato a opere permanenti di interesse pubblico generale”.

L’associazione parla di “far west eolico“. “Quattro progetti di centrali eoliche nello spazio di pochi chilometri. Essere a favore dell’energia prodotta da fonti rinnovabili non vuol dire avere ottusi paraocchi, non vuol dire aver versato il cervello all’ammasso della vulgata dell’ambientalismo politicamente corretto. È proprio il caso della trasformazione della Sardegna in piattaforma produttiva destinata alla servitù energetica, come esplicitato chiaramente da Terna s.p.a. e avallato dall’allora ministro della Transizione ecologica, Antonio Cingolani”. E conclude: “Gli unici a guadagnarci saranno le società energetiche”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
4
Share