Omicidio Dina Dore: i beni intestati a Rocca restano a lui

I beni intestati a Francesco Rocca – il dentista di Gavoi condannato in via definitiva all’ergastolo come mandante dell’omicidio della moglie, Dina Dore avvenuto nel marzo 2008, – apppartengono a lui e non sono il frutto di un patto fiduciario con la famiglia.

Lo ha stabilito la giudice civile del tribunale di Nuoro, Tiziana Longu, rigettando l’istanza avanzata dalle due sorelle e dalla madre di Rocca contro il congiunto, con l’obiettivo di spogliarlo dei beni di cui è ancora titolare.

Un’astuzia, secondo gli avvocati Massimo e Roberto Delogu che rappresentano la famiglia di Dina Dore, e le avvocate Annamaria Busia e Francesca Calabrò che tutelano gli interessi della figlia 13enne di Rocca, con cui si vorrebbe evitare di rendere i beni del dentista aggredibili dai Dore, beneficiari di una provvisionale dopo la condanna, e dalla stessa figlia minorenne, per il cui risarcimento sono in corso altre due cause civili.

“Siamo soddisfatti della sentenza – commenta l’avvocata Busia -. La giudice ha deciso esattamente come speravamo e cioè ha stabilito che le questioni poste dalle sorelle e dalla mamma di Rocca erano assolutamente infondate e che il patrimonio intestato è interamente di Francesco”.

Gli avvocati delle sorelle e della mamma del dentista, Giampaolo Mura e Giovanni Pinna Parpaglia, una volta lette le motivazioni della sentenza potrebbero ricorrere in appello . Francesco Rocca in questo procedimento era rappresentato dagli avvocati Angelo Manconi e Elisabetta Ena.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share