Monte Urpinu ha riaperto: test aviaria sono negativi ma nel parco pochissimi animali

Da ieri 4 dicembre il parco di Monte Urpinu a Cagliari ha riaperto a distanza di un mese esatto dalla chiusura. Era infatti il 5 novembre quando scattò l’ordinanza di chiusura per via dell’aviaria, il virus che colpisce i volatili e la cui presenza era stata trovata in un pavone morto.

La riapertura di Monte Urpinu arriva con l’ordinanza numero 20 del sindaco Paolo Truzzu che, a sua volta, ha ricevuto dalla Asl di Cagliari la certificazione sui test negativi. Il provvedimento sanitario in questione è il numero 68/Ssa del 1° dicembre.

A Monte Urpinu gli animali presenti sono pochi, visto che la maggior parte sono stati abbattuti lo stesso 5 novembre, quasi all’alba. Proprio sui volatili presenti la Asl ha fatto i test che hanno dato riscontro negativo anche “in considerazione delle ripetute misure di pulizia e disinfezione eseguite”, si legge nella nota diffusa dal Comune.

L’aviaria a Cagliari non è stato l’unico caso nell’Isola: proprio in seguito alla diffusione del virus a Cagliari, c’è stato un potenziamento dei controlli in tutta la Sardegna, ciò che ha portato a riscontrare il virus anche in un fenicottero trovato morto a Cabras. Lì non ci sono stati abbattimenti ma è scattato il monitoraggio su un’area di dieci chilometri dal ritrovamento del cadavere dell’animale.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
22
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
22
Share